Associazione Istruzione Unita Scuola-Sindacato Autonomo

Sede Nazionale: Via Olona n.19-20123 Milano Tel/fax+390239810868







martedì 2 dicembre 2008

IUniScuola chiede incarichi triennali da subito, l'On.Aprea aderisce all'ASDAE


da politicamente corretto clicca qui>>>


Notizie correlate
PRECARIATO : Una legge urgente per l’avvio del nuovo anno scolastico
IL Ministro Brunetta ...licenziare anche i Dirigenti ; i giovani del MoGIV: ...revocare l'affidamento
Ministra Gelmini:La maestra unica non sarà sola
Sciopero silenzioso
IUniScuola per una nuova Gestione MPI:Federalismo scolastico


Asdae ,albo sindacale docenti abilitati europei,non si tratta di un’idea recente come pure gli incarichi triennali, in quanto venne proposta ai precari italiani nel 2002 dalla nascente Associazione ASDAE, promossa da Leonardo Donofrio, dal professor Giuliano Casamassa e da altri, ma che non venne recepito dal precedente governo Berlusconi. Il fatto che oggi quel progetto sia stato ripreso in mano dall’onorevole Aprea fa ben sperare.

Secondo IUniScuola :Quali sono le finalità dell’Albo regionale? Piena occupazione dei docenti abiltati ,Rilasciare una certificazione di iscrizione, previa precedente valutazione dei requisiti per accedere all’insegnamento, una specie di “patentino” per poter entrare in classe fin da subito. Tale progetto potrebbe dunque portare agli incarichi triennali, a partire da questa stessa graduatoria ad esaurimento, per creare i presupposti per gli aspiranti non rientrati nel contingente dei posti per il ruolo ad accettare la nomina e non a rinunciarvi. Bisogna dunque fare in modo di rispettare il termine del 31 luglio 2008 per le nomine , fatte salve operazioni residuali nel mese di agosto. In caso di rinuncia o di esaurimento delle graduatorie, è necessario prevedere già da quest’anno la possibilità per docenti abilitati in altre graduatorie di potersi accodare per riparare al danno subito per il trasferimento di graduatoria e la piena occupazione dei docenti abilitati.

Che cosa occorre, secondo IUnSscuola, per portare un po’ di pace nella scuola e tra docenti Ata: assegnare il contingente delle immissioni in ruolo, o in caso contrario motivare le ragioni del diniego al diritto previsto dalla Legge Finanziaria 2008 (50.00 docenti, 10.000 Ata), prevedendo fin da ora la modifica delle graduatorie ad esaurimento, valutando attentamente i fatti verificatisi nell’anno scolastico 2007/2008. Molti docenti abilitati, infatti, per non correre il rischio di rimanere legati alle graduatorie nelle zone del nord, hanno presentato domanda nelle province di provenienza, non prevedendo la riduzione d’organico per l’anno 2008/2009 perché nessuno l’aveva fatto loro notare; anzi molti sedicenti “esperti” avevano loro consigliato proprio di presentare tale domanda. Il precario, infatti, è costretto a rivolgersi a qualcun altro per avere informazioni proprio per la cronica mancanza di notizie certe su siti web dell'amministrazione scolastica (iscrizioni alunni, classi attivate, organici, personale in servizio a tempo determinato ed indeterminato). A Milano, ad esempio, dei 20.000 presenti nelle graduatorie ad esaurimento solo il 25% dei docenti ha accettato incarichi di ruolo a tempo determinato da parte dell’Ufficio Scolastico Provinciale, tanto che , per far fronte alla copertura, sono state conferite dai Dirigenti Scolastici oltre 3.000 nomine( in qualche caso senza seguire una regola precisa).

In conclusione Leonardo Donofrio di IUniScuola auspica un albo dei docenti abilitati riconosciuto in Europa.

Nessun commento: