BLOG DEI LUCANI EMIGRATI
INFO anzianiinpiazza@libero.it






mercoledì 12 settembre 2018

Il Comune di Matera al lavoro per progetti di inclusione sociale


La città avrà il suo team “for special”
“Dopo di noi” e “vita indipendente”. Sono i progetti su cui sta lavorando il dipartimento per le politiche sociali del Comune di Matera per l’inclusione sociale delle persone con disabilità.
Se n’è parlato in un incontro, che si è svolto nei giorni scorsi nella sala Mandela del Palazzo di città, tra l’assessore alle Politiche sociali, Marilena Antonicelli, la funzionaria del settore, la psicologa Caterina Rotondaro, e le associazioni che si occupano dell’assistenza ai diversamente abili. Al confronto hanno partecipato anche alcune associazioni del terzo settore che sono sensibili al tema.
Nel corso dell’incontro l’assessore Antonicelli ha reso noto che: “A breve sarà pronto il Regolamento comunale per il ‘dopo di noi’. Si tratta di uno strumento per rispondere alle esigenze delle famiglie che vivono con una certa apprensione il momento in cui non si sarà più in grado di prendersi cura del proprio figlio disabile. La legge 112 del 2016 detta già delle disposizioni in materia di assistenza alle persone con disabilità grave prive di un sostegno genitoriale o familiare. Fermo restando il criterio regolatore che il Comune intende darsi e che è quello di dare facoltà, nei casi in cui ciò è possibile, agli interessati di scegliere dove e con chi vivere, si sta preparando una struttura in grado di accogliere 10 persone. L’edificio è quasi ultimato e l’Amministrazione sta ora valutando quali siano gli specifici sostegni di cui le persone con disabilità necessitano”.
Altro progetto che è all’esame dell’ufficio politiche sociali è quello che contiene un insieme di misure per favorire una vita il più possibile autonoma per le persone con disabilità medie e gravi. Il progetto “vita indipendente” è dedicato a uomini e donne, con minimo 18 e massimo 64 anni di età, la cui disabilità sia determinata da naturale invecchiamento e che si trovano in condizioni di maggiore bisogno.
“Lo scopo del programma, che sarà personalizzato e tarato sulle esigenze particolari di ciascuno degli interessati – sottolinea l’assessore Antonicelli – è quello di sostenere le persone con disabilità ad avere una vita indipendente, da sole o in condivisione con altri, grazie all’aiuto di operatori specializzati che ne favoriscano l’autonomia personale e l’inclusione sociale”.
Nel corso dell’incontro si è parlato anche del Centro diurno “Rocco Mazzarone” che è beneficiario di un finanziamento, inserito nel programma di investimenti territoriali integrati (Iti) recentemente approvato dal consiglio comunale, per il completamento della struttura. Il Centro potrà disporre quindi di nuovi locali per ampliare le sue attività e i servizi offerti alle persone con disabilità grave, offrendo spazi educativi e ricreativi per i soggetti affetti da autismo, ma non solo, e aprendosi alla collaborazione delle associazioni del territorio. In attesa dei lavori, il Comune ha intanto approntato il Regolamento per i criteri di inserimento degli utenti che usufruiscono dei servizi offerti dal Centro. La novità sarà quella di permettere l’utilizzo di alcuni spazi riservati alle “stanze di sollievo”, destinate al supporto alle famiglie che si trovano nella impossibilità temporanea di assistere i loro figli o i propri congiunti.

Spazio anche al tema dello sport, e del calcio in particolare, con la presentazione del progetto della Lega nazionale dilettanti della Figc “for special”. Si tratta di un’iniziativa che unisce nove regioni italiane in un campionato di calcio a sette a cui partecipano calciatori con disabilità psichiche. Tre i gironi (4, 5 e 6 categoria) con le associazioni che si occupano di disabilità adottate da squadre di calcio professionistiche. Il progetto è stato presentato da Stefania D’Elia, funzionaria della Regione Puglia, presidente di un’associazione e promotrice del progetto “for special” che vorrebbe ora esportare anche in Basilicata. L’idea è stata accolta con entusiasmo da tre associazioni materane che cercheranno in tempi ristretti di mettere su delle squadre per partecipare da subito al campionato che inizierà il 6 ottobre prossimo.

mercoledì 5 settembre 2018

Matera. Monitoraggio del Comune lungo i ponti sulla SS7: nessun rischio ma necessaria manutenzione

I tecnici del Comune di Matera hanno effettuato nei giorni scorsi il monitoraggio dello stato di conservazione e manutenzione dei ponti presenti sul territorio cittadino. Il monitoraggio ha interessato in particolare i 5 cavalcavia che si trovano lungo il tragitto della Strada Statale 7.
I sopralluoghi non hanno evidenziato problemi di natura strutturale ma è emersa la necessità di effettuare la manutenzione dei viadotti.

La competenza del Comune è limitata, in questo caso, alla pavimentazione stradale e allo stato dei guardrail mentre la parte sottostante delle strutture e gli interventi sulle campate investono la responsabilità dell’Anas.
Per questo motivo, al termine delle verifiche, i tecnici comunali hanno inviato un’informativa all’Anas per aggiornare la società sullo stato delle infrastrutture presenti sul territorio cittadino e per sollecitare interventi di manutenzione sui viadotti che presentano tutti l’erosione delle parti superficiali in cemento armato, in particolare nelle sezioni di appoggio delle campate.
Quanto alle competenze comunali, i cavalcavia presentano una pavimentazione bituminosa degradata che favorisce l’infiltrazione d’acqua e accelera il processo di deterioramento delle strutture sottostanti. Degradati anche i guardrail che andrebbero ammodernati. Per effettuare queste opere occorreranno, secondo la stima dei tecnici comunali, circa 165mila euro.
Il resoconto del monitoraggio è stato inoltrato al Provveditorato delle opere pubbliche che nei giorni scorsi aveva inviato ai Comuni un’informativa sollecitando i sopralluoghi sulle infrastrutture.

“Lo stato di salute dei nostri cavalcavia” sottolinea l’assessore ai Lavori pubblici, Nicola Trombetta”è buono ma non perfetto. Occorrono interventi di manutenzione e il Comune si è attivato per richiedere le somme necessarie ad effettuare i lavori che servono a rendere più sicura la circolazione dei veicoli sui viadotti stradali che si trovano sul territorio cittadino. Il monitoraggio dei tecnici comunali sullo stato delle infrastrutture avviene in modo costante e programmato a scadenze regolari per prevenire situazioni di pericolo

Gli studenti lucani e pugliesi si preparano (con calma) a far ritorno a Scuola

Per gli allievi degli istituti della Basilicata la campanella suonerà il 10 settembre prossimo (il 12 giugno 2019 è previsto invece il termine delle lezioni) mentre i pugliesi entreranno in classe dieci giorni più tardi, ovvero il 20 settembre per terminare le lezioni il 12 giugno del 2019
Il ministro Marco Bussetti, titolare del Miur ha ringraziato “tutti gli uffici provinciali regionali e le scuole che hanno lavorato per permettere a settembre di tornare a scuola con regolarità” e, in merito agli allarmi suonati negli ultimi giorni ha chiarito che “non esiste un ‘problema supplenti’”. Per il ministro infatti “è fisiologico: varia il loro numero rispetto al numero di iscrizione degli alunni” ed ha assicurato di voler comunque “curare il reclutamento e la stabilizzazione degli insegnanti per riqualificare l’offerta e la figura dei docenti”.
Un altro problema che torna prepotentemente all’attenzione in queste ore è quello relativo alla sicurezza degli edifici. Su questo punto il ministro dice di aver trovato “7 miliardi che andranno presto ai Comuni e alle Province per la messa a norma” mentre ASI e CNR lavoreranno a costo zero ad un monitoraggio via satellite sulle oltre 40 mila strutture scolastiche esistenti in Italia.
Un altro fronte di polemica riguarda i vaccini. Con i presidi che vanno all’attacco e chiedono regole chiare. Secondo la legge Lorenzin infatti i piccoli per poter accedere a nidi e scuole dell’infanzia devono portare la certificazione di quelli fatti, mentre secondo la circolare ministeriale è sufficiente l’autocertificazione.
Sul fronte sicurezza il ministro dell’Interno ha annunciato il progetto pilota in 15 città, “Scuole sicure” che prevede più video-sorveglianza e vigili a contrasto dello spaccio di stupefacenti in prossimità delle scuole. Nel progetto – che si chiama appunto “Scuole Sicure” è inserita anche la città di Bari destinataria di 81mila euro di risorse.

“A ottobre faremo un primo bilancio” ha detto il ministro “molti sindaci ci hanno già chiesto di estendere il piano e se i risultati saranno positivi, lo faremo

LINK  http://www.trmtv.it/home/attualita/2018_09_05/179282.html

martedì 4 settembre 2018

Matera. Al via dal primo ottobre le domande per le imprese sul “vicinato digitale”


Dal 1° ottobre 2018 le micro, piccole e medie imprese materane dei settori aeropsazio, automotive, bioeconomia (agrifood e chimica verde), energia e industria culturale e creativa, potranno presentare domanda per ottenere il voucher per l’acquisto di servizi per l’innovazione tecnologica e l’adozione di tecnologie digitali.
La Regione Basilicata ha pubblicato sul Bur (31 del 3/8/18) il bando di selezione che ha una dotazione finanziaria complessiva di 9 milioni di euro rivenienti dai fondi Fesr dell’Ue. Un milione di euro sarà interamente destinato alle imprese con sede a Matera, grazie all’approvazione del Piano Iti (investimenti territoriali integrati) da parte del consiglio comunale.
La procedura di presentazione delle domande di agevolazione seguirà le modalità dello “sportello telematico” che sarà aperto a partire dalle ore 8 del primo ottobre e resterà aperto fino alle ore 20 del giorno 15 dicembre 2018. Le domande saranno istruite di volta in volta secondo l’ordine cronologico di arrivo, fino ad esaurimento della dotazione finanziaria disponibile.
L’obiettivo del bando è quello di contribuire ad aumentare il livello di competitività delle imprese lucane incentivandone gli investimenti in ricerca e innovazione.
Le agevolazioni per l’acquisto di servizi per l’innovazione tecnologica rientra in una strategia più ampia messa in campo dal Comune di Matera con il progetto “Vicinato digitale”, sempre inserito nell’Iti e che ha una dotazione finanziaria di 2,9 milioni di euro. L’idea è quella di fare di Matera un luogo di scambio di conoscenze tecnologiche tra imprese, seguendo l’esempio sociale dei vicinati dei Sassi. Trasferimento di competenze e di informazioni per crescere insieme e far nascere una comunità composta di micro, piccole e medie imprese: è questo l’obiettivo che si vorrebbe raggiungere con questo progetto che testimonia che le strategie dell’Amministrazione non si fermano per un cambio di assessorato. La linea tracciata dal Sindaco, Raffaello De Ruggieri, sin dall’insediamento è stata quella di creare a Matera opportunità di lavoro nel settore delle nuove tecnologie per cavalcare il futuro e permettere alla città di ritagliarsi un ruolo in questo comparto, diversificando così il tradizionale assetto del suo sistema economico.
Ne è esempio il progetto del 5G e dell’incubatore di imprese nella sede dell’ex ospedale San Rocco. Nei prossimi giorni sarà nominata la commissione esaminatrice per esaminare le candidature e ammettere i progetti più meritevoli. Il programma non è stato archiviato né dimenticato ma è vivo e va avanti secondo le normali procedure sotto la guida congiunta del sindaco e dell’assessore alla Cultura e all’Innovazione, Giampaolo D’Andrea

lunedì 3 settembre 2018

Petrolio in Basilicata. Attivata la fiaccola al centro olio di Tempa Rossa

Motori accesi a Tempa Rossa. A testimoniarlo la fiaccola che brucia da alcuni giorni e il cui video è diventato virale sui social.
E’ infatti una delle quattro torce che fanno parte dell’impiantistica del Centro olio di Tempa Rossa, il secondo giacimento petrolifero lucano situato nell’alta valle del Sauro. Esteso principalmente sul territorio di Corleto Perticara, a 4 km dal centro di trattamento.
Cinque pozzi si trovano anch’essi sul territorio di Corleto Perticara, il sesto nel comune di Gorgoglione, mentre altri due sono in fase di completamento. Il centro di stoccaggio Gpl si trova invece nel comune di Guardia Perticara. In base alle quantità di greggio estratto il Ministero dello sviluppo economico dovrà quantificare le royalties che la joint venture Total-Shell e Mitsui dovrà versare, ma anche la relativa tassazione. Intanto al termine di un percorso cominciato nel febbraio scorso – con l’arrivo di 1.371 candidature – Total ha assunto nel centro oli di Tempa Rossa “30 giovani ingegneri e tecnici lucani”.
L’amministratore delegato di Total Italia, Francois Rafin, ha detto che “assumere giovani laureati e diplomati, formarli a ruoli ad alto contenuto tecnologico, significa assicurare il futuro del territorio della Valle del Sauro”. Da giugno ad agosto , poi, è stata ripresa l’iniziativa “Porte aperte a Tempa Rossa” che ha permesso agli abitanti della regione Basilicata di osservare direttamente, e da vicino, il Centro olio e tutte le altre nuove infrastrutture realizzate del progetto “. A regime l’impianto avrà una capacità produttiva giornaliera di circa 50mila barili di petrolio, 230mila metri cubi di gas naturale, 240 tonnellate di Gpl e 80 tonnellate di zolfo

sabato 1 settembre 2018

Matera ZTL 2.0: al via la sperimentazione fino a Gennaio 2019

Una nuova Zona a Traffico Limitato definita 2.0, necessaria per coordinare le migliaia di persone in arrivo per Matera 2019. Questo il tema dell’accesso incontro tenutosi nella Sala Mandela, voluto dall’assessore comunale alla Mobilità Angelo Montemurro per illustrare a residenti ed esercenti l’avvio della fase sperimentazione che dai prossimi giorni e fino a gennaio coinvolgerà il centro cittadino di Matera. Analizzati i flussi di veicoli ed ascoltando le diverse esigenze – è stato rivendicato sul fonte istituzionale – è previsto il divieto al transito per tutti i veicoli con orario dalle 18 alle 24 nei giorni feriali e dalle 10.30 alle 13 nei festivi. Inclusi dal provvedimento i taxi e noleggio con conducente, eccezione invece per i proprietari di posti auto e garage. Confermate le attuali finestre di carico e scarico merci.Diverse le polemiche sollevate dai residenti per l’accesso alle rispettive abitazioni, con accuse di attenzione del Comune solo per i commercianti. La replica: “Il pedone non può avere le auto alle spalle e ci saranno servizi sostitutivi con frequenza ogni 15 minuti. Obiettivo è essere pronti per i flussi da Capitale Europea della Cultura, riducendo i mezzi privati e incentivando quelli elettrici.”Residenti e commercianti, pur con esigenze differenti, hanno chiesto garanzie circa la possibilità di raggiungere residenze e attività economiche, fornendo suggerimenti che saranno oggetto di valutazione periodica da parte del Comune. Montemurro ha precisato, inoltre, che modifiche alla ztl riguarderanno gradualmente anche i rioni Sassi per un progetto di regolamentazione e gestione definito “2.0”

venerdì 31 agosto 2018

Il ministro del Sud in Regione Basilicata: non c’è rischio disimpegno dei fondi europei al 31 dicembre 2018


Non c’è rischio disimpegno dei fondi europei al 31 dicembre 2018. È quanto dichiarato dal ministro per il Sud Barbara Lezzi, a margine della sua nuova visita in Basilicata.
Breve ma intensa la visita a Potenza, iniziata con l’arrivo in Prefettura, dove ha incontrato la referente istituzionale Giovanna Cagliostro ed il questore Alfredo Anzalone. A seguire l’atteso incontro di approfondimento sul tema dell’utilizzo dei fondi europei presso la Presidenza della Regione Basilicata dove è stata accolta dal vicepresidente della giunta e con delega alla sanità Flavia Franconi. Proprio sul fronte sanitario, all’ingresso del Palazzo regionale lungo viale Verrastro, la Lezzi ha incrociato il picchetto di lavoratori ex Luccioni e ascoltato la loro vertenza in corso di risoluzione. Poi il tavolo tecnico potentino, dove ha stemperato il paventato allarme di 20 mln di euro da fondi comunitari a rischio spesa, in più rimarcato l’esigenza di investire nelle infrastrutture. Sul fronte politico, battuta verso le prossime elezioni regionali: da cittadina del sud – ha detto – sarebbe straordinario un primo presidente del Movimento 5 Stelle in Basilicata.
Nel pomeriggio il ministro sarà a Matera per verificare lo stato di avanzamento dei lavori in vista di Matera capitale europea della Cultura 2019