BLOG DEI LUCANI EMIGRATI
INFO anzianiinpiazza@libero.it






giovedì 12 novembre 2009

Assunta Finiguerra:«un simbolo della poesia in dialetto lucano»


Assunta Finiguerra di San Fele (PZ),poeta lucana dialettale, si è
spenta il 2 settembre. Per l'associazione Istruzione Unita
Scuola con i suoi libri di poesie è viva ed è «un simbolo della poesia in dialetto lucano».





Ecco una poesia:«Nun nge só nuvetà mico mije»
Nun nge só nuvetà mico mije
hanna scannate a lune e u suanghe suje
m'è fenute tutte quande ngape
tengènneme i capidde russe fuoche
Aggia mbagliate re stelle ndò ciele
c'u viende ca me decije de nu re ffuà
cume tu mbaglje re stelle d'u ciele
accussì u cuangre farà cu a menna toje

è granne è granne è granne
l'abbisse ndu è ca me só truwate
è cesterne d'uoglje pe na furmiche
a ggiungle indiane pe nu merle cecate

In Italiano:
Non ci sono novità amico mio
hanno scannato la luna e il suo sangue
mi è finito tutto sopra il capo
tingendomi i capelli rosso fuoco

Ho impagliato le stelle nel cielo
col vento che mi diceva di non farlo
come tu impagli le stelle del cielo
così il cancro farà con il tuo seno

è grande è grande è gramde
l'abisso in cui mi sono ritrovata
è cisterna di olio per una formica
la giungla indiana per un merlo cieco


Assunta Finiguerra è nata a San Fele (PZ) e ha pubblicato i libri di poesia: Se avrò il coraggio del sole (Basiliskos, 1995), Puozze Arrabià (La Vallisa, 1999), Rescidde (Zone Editrice, 2001), Solije (Zone Editrice, 2003), Scurije (LietoColle, 2005). Ha vinto numerosi premi tra cui il "Giuseppe Jovine" e il "Premio Pascoli" 2004. Suoi testi poetici sono apparsi in diverse riviste letterarie e antologie, tra le quali Nuovi Poeti Italiani a cura di Franco Loi (Einaudi, 2004) e Trent'anni di Novecento, a cura di Alberto Bertoni (Book Editore, 2005).

Nessun commento: